Condividi questo articolo, scegli tu dove!

Viaggio fotografico in Giordania

viaggio fotografico Giordania
viaggio fotografico Giordania

In questo articolo vi parlerò del mio fantastico viaggio fotografico in Giordania,  tutti i luoghi visitati e fotografati, tutte le cose da sapere, mezzi utilizzati e il budget speso.

La Giordania è molto più di una destinazione turistica; è un museo a cielo aperto, dove ogni pietra racconta storie millenarie e ogni paesaggio evoca emozioni profonde. Da Petra, la città rosa incastonata tra le rocce, ai vasti deserti di Wadi Rum, ogni scatto fotografico è un viaggio nel tempo e nello spazio.

Preparati ad essere affascinato dalla bellezza intramontabile di questo paese e a scoprire il motivo per cui la Giordania è un’esperienza indimenticabile per ogni appassionato di fotografia.

Pronto a iniziare questo viaggio visivo nella terra delle meraviglie? 

I miei compagni di viaggio

Vi presento i miei compagni, amici fotografi che mi hanno accompagnato in questa avventura:

DSC_6068
Giacomo Petrachi
Pier Andrea Folle
Pierandrea Folle
DSC_5737
Gianmarco Violante
DSC_5762
Fabrizio Barile
DSC_6329
Federico Politi
Daniele Schipa
Daniele Schipa

Il territorio: Giordania

La Giordania è una nazione affascinante situata nella parte sud-occidentale del Medio Oriente, con un patrimonio ricco di storia, cultura e paesaggi spettacolari. Condividendo i confini con Siria, Iraq, Arabia Saudita, Israele e Palestina, la Giordania è stata per lungo tempo una crocevia di culture e civiltà, una terra in cui le tracce del passato si intrecciano con la modernità.

La Giordania ha un’antichità straordinaria, con insediamenti umani che risalgono a migliaia di anni fa. Le prime tracce storiche risalgono all’Età del Bronzo, ma è nel periodo romano e bizantino che la regione ha raggiunto il suo apice, come testimoniato dai maestosi siti archeologici di Petra e Jerash. 

Il territorio giordano offre una varietà impressionante di paesaggi, dai deserti aridi alle gole profonde e ai mari salati. Il deserto di Wadi Rum, con le sue dune di sabbia e formazioni rocciose spettacolari, è stato spesso utilizzato come location cinematografica per film epici. Il Mar Morto, uno dei luoghi più bassi sulla Terra, offre un’esperienza unica grazie alle sue acque salate e alle proprietà terapeutiche del fango.

La capitale della Giordania, Amman, è una fusione di modernità e tradizione, con il suo skyline cosmopolita che si affianca a siti archeologici e mercati vivaci.
Petra, la “città rosa” scavata nella roccia, è uno dei siti più celebri al mondo e una testimonianza straordinaria dell’ingegnosità umana. 

Uno degli aspetti più affascinanti della Giordania è la sua ricchezza di cieli notturni incontaminati, rendendola una destinazione ideale per gli amanti della fotografia astronomica. Con un basso livello di inquinamento luminoso, i vasti deserti e le regioni remote offrono un’esperienza unica per catturare la maestosità del cielo notturno.

Se sei alle prime armi con la fotografia astronomica ti consiglio questo articolo dove ti spiego le basi per ottenere un ottimo risultato!

mappa-giordania-BLOG

Il viaggio: durata, costi e consigli

Il viaggio in Giordania è durato in totale 7 giorni.
Il costo totale viaggio è stato intorno alle 1300 euro circa a persona, voli inclusi!
Ecco in dettaglio:

  • 750 euro a persona per la guida, in questo caso ci siamo affidati ad una guida speciale che ci ha aiutato a programmare il nostro viaggio fotografico. Il costo della guida comprendeva hotel 4 stelle, trasporto anche di notte per fotografare, ristoranti.
  • 500 euro per il volo andata e ritorno da Amman 
  • 80 euro per il Jordan Pass ( comprende l’accesso per la maggior parte delle attrazioni) 
  • 5o euro circa come mancia da dare ai beduini per le varie attrazioni.

Cose da sapere prima di partire

Se si decide di partire per la Giordania bisogna tenere in mente alcune cose:

  • non bevete acqua da fontana o che non provenga da bottiglie chiuse 
  • farà molto caldo ( picchi di 40 50 gradi) bevete sempre per rimanere idratati 
  • munitevi di protezione solare
  • munitevi di monete, i beduini vi chiederanno soldi per ogni minima cosa
  • troverete sempre lo stesso cibo:  hummus  e piadine principalmente 

Attezzatura

La Giordania é ideale sia per le fotografie notturne che per quelle diurne per questo motivo vi consiglio di portare: 

Fotografica

  • Camera fotografica
  • filtri ND
  • ottiche grandangolari (15-30mm)
  • ottiche tele (70-200mm)
  • torcia e luci varie 
  • telecomando per scatto remoto
  • astroisenguitore (opzionale) 
  • cavalletto

Abbigliamento

  • Scarpe da trekking
  • maglia e pantaloni termici 
  • borracce 
  • giacca anti-vento 
  • berretto 

L'itinerario completo

A differenza del viaggio fotografico fatto a Tenerife che è stato un viaggio puramente fotografico,  il viaggio in Giordania è stato un mix di fotografia, avventura ed esplorazione, dove abbiamo inserito anche altre attrazioni. 
Il viaggio è durato 7 giorni complessivi, ma i giorni effettivi in Giordania sono stati 5, gli altri due sono stati usati per il viaggio.

Giorno 1: Amman e Wadi Rum

Il nostro viaggio inizia con la vibrante capitale della Giordania, Amman.

Abbiamo iniziato la giornata esplorando la Cittadella, un sito archeologico che offre una panoramica mozzafiato sulla città, pieno di antiche rovine come Tempio di Ercole e il Palazzo Umayyad e il Teatro Romano, un luogo maestoso che ha ospitato spettacoli e eventi sin dai tempi antichi.

All’interno della Cittadella, il Museo Nazionale di Amman è un tesoro di reperti archeologici che raccontano la storia della Giordania. Oggetti provenienti da varie epoche, dalle età del bronzo e del ferro all’era islamica, forniscono un’approfondita comprensione delle civiltà che hanno plasmato la regione.
Uno degli elementi più suggestivi della Cittadella è la vista panoramica che offre sulla città di Amman. Con le sue torri e mura antiche che si ergono sopra il moderno skyline, la Cittadella offre uno sguardo suggestivo sulla fusione tra la storia millenaria e la vita contemporanea.

Dopo aver visitato la parte storica di Amman, ci siamo incamminati verso il Wadi Rum a sud della Giordania. 
Il viaggio Amman – Wadi Rum è abbastanza lungo circa 6 ore.
Abbiamo fatto uno stop alla “strada dei re” dove si potevano ammirare un paesaggio mozzafiato. 

Particolare e caratteristica in questo punto panoramico la casetta e il beduino che si trovano in prossimità della strada. 
Dopo questo spettacolo di panorama ci dirigiamo verso la Wadi Rum Station. 
Qui troverete un treno che si trova qui dal 1916 ed è stato utilizzato nel famoso film del 1962 con Peter O’Toole. 

Dopo questa piccola sosta è il momento di entrare nell’area protetta del Wadi Rum.

Caratterizzato da canyon profondi, montagne di arenaria rossa e ampie distese di sabbia dorata, il Wadi Rum offre un paesaggio mozzafiato, quasi surreale. l deserto di Wadi Rum è famoso per le sue formazioni rocciose iconiche, scolpite dal vento e dall’erosione nel corso di millenni. Montagne di granito e arenaria emergono maestose dal suolo, creando un paesaggio lunare che sembra provenire da un’altra dimensione. La luce mutevole del sole durante il giorno trasforma continuamente le sfumature delle rocce, offrendo un’esperienza visiva senza pari.

Ad attenderci un beduino con la sua jeep.

Ovviamente vi consiglio vivamente di addentrarvi dentro il deserto con una guida esperta, è facile perdersi non ci sono segnali o strade ben delineate.

I beduini invece hanno una capacità innata di orientarsi e muoversi in quelle condizioni.

I tour dentro il Wadi Rum sono più o meno standard. I beduini vi porteranno a visitare viari spot famosi e particolari. Potrete vedere le montagne del film “Interstellar” ad esempio. 

Durante le corse alla sabbia tra una duna e l’altra con la jeep potete incontrare sia dromedari che cammelli lasciati liberi.

Dopo aver fatto un primo tour con la jeep, arriviamo nel nostro accampamento.

La caratteristica di tutti gli accampamenti è che sono in posti sperduti, caratterizzati da uno spazio comune all’esterno, usato per rilassarsi e assaporare del the caldo davanti a un bel fuoco accesso. 
Dopo aver assaporato prodotti tipici cucinati sotto la sabbia, ci incamminiamo nel cuore del deserto di notte per immortalare la via lattea. 
Qui ci diamo alla pazza gioia, il Wadi rum è pieno di spot, ruttate questa rocce particolari, dalle mille forme.
Inoltre essendo il cuore del deserto l’inquinamento luminoso è pari a zero e la via lattea si vedeva in una maniera strepitosa. Super chiara e definita anche a occhio nudo, sempre alta: bastava guardare in cielo per notarla. 

via lattea Giordania wadi rum
Copyright Lorenzo De Donno
via lattea Giordania wadi rum
Copyright Pierandrea Folle
via lattea Giordania wadi rum
Copyright Lorenzo De Donno
via lattea Giordania wadi rum
Copyright Pierandrea Folle
via lattea Giordania wadi rum
Copyright Lorenzo De Donno
via lattea Giordania wadi rum
Copyright Pierandrea Folle
via lattea Giordania wadi rum
Copyright Pierandrea Folle
via lattea Giordania wadi rum
Copyright Lorenzo De Donno
via lattea Giordania wadi rum
Copyright Pierandrea Folle

La nostra guida era un giovane ragazzo ed era la sua prima volta ad accompagnare un gruppo di fotografi di notte, ma è stato molto bravo e ha soddisfatto tutte le nostre esigenze, è stato fino a notte fonda con noi e si incuriosiva sul tipo di scatti. 

Giorno 2: Wadi Rum e Petra by Night

Dopo aver passato tutta la notte nel cuore del Wadi Rum il secondo giorno abbiamo continuato l’esplorazione degli spot più famosi del deserto.

 

Finito il tour degli spot abbiamo concluso il giro con un ottimo piatto cucinato sul momento dal ragazzo.
Non saprei spiegare cosa abbiamo mangiato, ma era molto buono.


Il viaggio nel Wadi Rum termina. 
Dopo aver visto questo spettacolo ci dirigiamo a nord in direzione di Petra ( circa 3 ore di macchina).

Arrivati a Petra abbiamo avuto giusto il tempo per sistemare le valigie: siamo dovuti correre per Petra By Night.

Il mio consiglio soprattutto se si vuole fotografare è quello di andare all’apertura e correre! 
Ci sono circa 30 minuti di camminata prima di raggiungere il posto e bisogna arrivare per primi per trovare le fiaccole accese e senza persone. 

Quindi appena aprono i fornelli correte e piazzate subito i cavalletti e scattate! 

Petra by Night è un’esperienza straordinaria, un viaggio nella storia e nella tradizione che trasforma il sito archeologico in un regno incantato sotto il cielo stellato.
Le fiaccole creano un’atmosfera eterea, danzando tra i pilastri di Petra e proiettando ombre suggestive sulle facciate antiche. Questo spettacolo di luci e suoni trasporta i visitatori indietro nel tempo, offrendo uno sguardo magico sulla vita e sulla cultura che animavano Petra nei giorni gloriosi.
Petra by Night è un’esperienza senza tempo, un incantesimo che avvolge i visitatori in una dimensione di storia e mito. Sotto il cielo stellato del deserto giordano, Petra rivela il suo lato più suggestivo, lasciando un’impronta indelebile nei cuori di coloro che hanno il privilegio di partecipare a questo viaggio notturno nella storia.

Petra by night
Copyright Lorenzo De Donno
Petra by night
Copyright Pierandrea Folle

Giorno 3: Petra e Wadi Araba

Durante il terzo giorno abbiamo esplorato tutto il sito archeologico di Petra.

Petra, conosciuta come “La Città Rosa”, è uno dei siti archeologici più straordinari al mondo, un’antica città nascosta tra le imponenti pareti di arenaria rosata nel deserto meridionale della Giordania. La sua storia affonda le radici nell’antichità, con tracce di insediamenti che risalgono al periodo preistorico, ma la Petra che conosciamo oggi raggiunse il suo apice durante il periodo nabateo.

Petra è celebre per la sua straordinaria architettura scavata nella roccia. Il Tesoro (Al-Khazneh), la facciata più iconica di Petra, è un maestoso tempio ornato di colonne e sculture, scolpito direttamente nella roccia rosa. Molti altri edifici, tra cui tombe e templi, sono stati intagliati nella roccia circostante, creando un paesaggio unico e affascinante.

Il percorso per raggiungere il cuore di Petra inizia con il Siq, un canyon stretto e lungo che si apre progressivamente, rivelando il Tesoro. Camminare attraverso il Siq è un’esperienza magica, con pareti di roccia alte e scure che celano l’anticipazione dell’incontro con il Tesoro, un’opera di pura magnificenza architettonica.

Un’altra meraviglia di Petra è il Monastero, noto come Ad-Deir. Raggiungerlo richiede una camminata impegnativa, con circa 800 scalini da scalare, ma la ricompensa è un panorama spettacolare e l’ammirazione di un edificio impressionante. Il Monastero è una vasta struttura scolpita nella roccia, con una facciata monumentale che racconta di un passato di grandezza e spiritualità.

Dopo la scalata distrutti ci dirigiamo verso un altro deserto, il Wadi Araba: Caratterizzato da paesaggi spettacolari, gole profonde e scogliere imponenti, questo tratto di deserto è una destinazione affascinante per coloro che cercano avventure fuori dagli itinerari turistici tradizionali. 

Giorno 4: Wadi Araba e Mar Morto

Il quarto giorno, è stato un giorno “particolare”. Abbiamo esplorato il deserto con una modalità un pò insolita! 
In jeep ma guidata da due pazzi  spericolati.

Infatti una delle modalità più avvincenti per esplorare il Wadi Araba è attraverso un tour in jeep. Guidati da esperti locali, i visitatori possono affrontare percorsi spericolati, attraversare le gole e raggiungere angoli remoti del deserto che racchiudono una bellezza selvaggia e incontaminata.

Il Wadi Araba, con la sua bellezza selvaggia e la sua avventura senza freni, aggiunge una dimensione unica al viaggio vicino a Petra. La sua maestosità naturale e l’atmosfera di isolamento creano un’esperienza indimenticabile, arricchendo ulteriormente l’itinerario attraverso la magnifica Giordania.

Dopo l’entusiasmante avventura nel Wadi Araba, il nostro viaggio prosegue verso una destinazione unica e iconica: il Mar Morto. Questo tratto del percorso offre un’esperienza di transizione tra le gole e le scogliere del deserto alla tranquillità delle acque salate, promettendo un cambiamento di scenario mozzafiato.

Il cambiamento di scenario è evidente man mano che ci avviciniamo al Mar Morto, il punto più basso sulla terra.


Una delle esperienze imperdibili al Mar Morto è sicuramente il galleggiamento. Grazie alla sua altissima concentrazione di sali minerali, è impossibile sprofondare in queste acque. È un momento di puro relax, abbracciati dalla natura e cullati dalla tranquillità delle acque.

Nella quiete della notte, il Mar Morto offre anche opportunità straordinarie per la fotografia notturna. Con le luci lontane della sponda opposta e il cielo stellato sopra, ogni scatto diventa un’opera d’arte, catturando la serenità di questo luogo unico al mondo.

Giorno 5: Wadi Mujib e Amman

La fase finale del nostro viaggio ci porta in una giornata di emozionanti avventure.
La giornata inizia con l’esplorazione del Wadi Mujib, un canyon spettacolare e selvaggio noto anche come il “Gran Canyon della Giordania”. 

Pensateci bene prima di intraprendere quest’avventura: è molto difficoltosa e pericolosa.
Percorrere questo canyon offre un’esperienza unica di canyoning, con tratti d’acqua, gole e cascate che sfidano l’avventura. Il paesaggio naturale mozzafiato e le sfide del Wadi Mujib creano un’esperienza avventurosa indimenticabile.

Dopo l’adrenalina del Wadi Mujib, facciamo ritorno verso Amman.
La Cittadella, illuminata di notte, offre una vista panoramica spettacolare sulla città, mentre i vicoli del centro si animano di vita notturna e attività culturali.
I mercati di Amman, come il Souq Jara o il Souq Al Bukharyyah, si animano di colori, odori e suoni durante la sera. Un giro tra le bancarelle di spezie, tessuti e oggetti d’arte locali offre un’esperienza autentica della cultura giordana.
La mezza giornata tra il Wadi Mujib e la visita di Amman di sera è un epilogo avvincente di avventure naturali e culturali. Un modo perfetto per concludere il nostro viaggio attraverso la Giordania, catturando gli ultimi momenti di emozioni e bellezze offerti da questa terra affascinante.

Conclusioni

Il viaggio in Giordania è un’esperienza che lascia un’impronta indelebile nella memoria. Attraverso l’obiettivo della fotocamera, ci si addentra in una terra di meraviglie, dove il passato si intreccia con il presente e la natura si svela in tutta la sua grandezza.
La Giordania si presenta come un tesoro da scoprire, un viaggio che va al di là delle immagini, raggiungendo il cuore di chiunque abbia il privilegio di esplorarla.

Vi divertirete! 

Vuoi partire in Giordania? Lascia i tuoi dati

    Se i miei contenuti ti piacciono e vuoi supportarmi, ti chiedo una piccola donazione PayPal, grazie mille!

    Ti potrebbe interessare anche

    Carrello0
    Non ci sono prodotti nel carrello
    Continua a fare acquisti
    0